Fiorai

Che poi, ieri passavo dal centro del mio paesello, e ho visto che la fioraia, Marta, quella che aveva aperto il negozio tipo dopo la seconda guerra mondiale, che era l’unica da cui potevi andare a comprare i fiori al centro del mio paesello, e infatti io lì ci ho comprato tutti i fiori per le mie ragazze, la fioraia, Marta, è andata in pensione, che aveva anche i suoi 80 anni, e quindi il negozio ha chiuso del tutto. E allora, quando sono arrivato a casa di mia mamma, le ho fatto “ma ora che la Marta ha chiuso, chi rimane a vendere fiori qui al paesello?” e lei mi fa “non è rimasto nessuno, c’è solo il fioraio del cimitero”, e mi sono fermato a pensare.

Annunci

4 pensieri su “Fiorai

  1. Francesca

    …si, fa pensare. Ti dirò la verità: odio il profumo dei fiori recisi, tutti riuniti in grossi mazzi, di quelli che si regalano per le lauree o per i compleanni. Sarà che l’ho sempre collegato a cerimonie poco felici o al cimitero. Per cui so quanto sia triste, relegare una cosa così bella a una situazione così sconfortante. Preferisco le piante vive, da sempre. Peccato però: mi piacerebbe che i fiori fossero anche, ancora per i vivi – e magari non avere questa “abitudine”. Una “romanticheria” che non dovrebbe scomparire…

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...