Wagner

Dirò subito che per il Tristano ho una vera passione. L’ho ascoltato per la prima volta a quindici anni, e ho pianto. Oggigiorno, come tutti sanno, a causa di certe inibizioni psicologicamente inopportune e clinicamente nocive ma consone agli schemi ufficiali di reazione emotiva del maschio occidentale, i dotti lacrimali sono in disuso. Eppure, se l’ora è tarda e la giornata è stata dura, basta qualche frase della Liebestod per sentire quel fremito giù per la schiena e quel nodo alla gola che nessun’altra musica […] provoca così infallibilmente.

[Glenn Gould, L’ala del turbine intelligente: scritti sulla musica, Adelphi, pp. 143-144]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...