Samovar

Che poi, dopo tutte queste letture di scrittori russi, quello che ho imparato è che, per essere un racconto russo, ci deve essere un samovar. Che non importa neanche che sia usato il samovar, l’importante è che qualche personaggio metta su il samovar per il tè, che il samovar è un po’ l’oggetto tappabuchi della letteratura russa, che quando uno scrittore russo non sa cosa metterci, ecco che ci mette un samovar. Quindi, nel mio prossimo racconto, che sarà ambientato in Russia, ci metterò sicuramente un samovar, penso, anche se non sono uno scrittore russo, non ancora perlomeno.

Annunci

Un pensiero su “Samovar

  1. Pingback: #69 alcune cose che ho imparato quest’estate. | wellentheorie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...