I bozzetti del signor Eiffel

Che poi, c’è questo libretto, ogni volta che vado in libreria, che ci sono tutte le foto della torre Eiffel e del signor Eiffel e i bozzetti della torre Eiffel, che è uno di quei libretti della Abscondita / SE, quelli che fanno quelle edizioni pregiatissime con le copertine tutte nere, che fanno una gran bella figura tutte messe assieme, che ecco, tutte le volte che vado in libreria riguardo questo libretto, che ci sono tutti i bozzetti che sono una meraviglia, che ieri sera ci ripensavo, e ho pensato che le cose, al signor Eiffel, potrebbero essere andate più o meno così, con quei suoi bozzetti:

I bozzetti del signor Eiffel
(un mini racconto, penso)

Al termine della costruzione il signor Eiffel guardò soddisfatto la torre e si congratulò con tutti quelli che avevano dato una mano. Poi prese i suoi bozzetti e ordinò che la torre venisse ribaltata, di modo che la punta poggiasse sul suolo e, con un po’ di pressione dall’alto, tipo tappo di champagne reinserito nella bottiglia, la torre finisse sottoterra.
«Perché accontentarsi del monumento più alto del mondo, quando possiamo avere anche il monumento più sotterrato del mondo?» chiese ai tecnici, che dubbiosi osservavano i bozzetti dove la torre si presentava effettivamente a testa in giù.
«E come volete che la ribaltiamo?» chiesero i tecnici, guardando prima la gigantesca torre e poi il signor Eiffel.
«Basterà spingere tutti assieme da un lato e aspettare che si rovesci sull’altro. Poi la solleviamo sulla punta e il più sarà fatto.»
I tecnici diedero ordine ai manovali di mettersi tutti su un lato e di iniziare a spingere con forza affinché la torre si ribaltasse, ma niente.
«La torre non ne vuole sapere di ribaltarsi, signor Eiffel. Bisognava costruirla al rovescio fin da subito.»
«Sciocchezze, portatemi una leva.»
I tecnici portarono una leva da un metro e quarantasette e il signor Eiffel, deposti panciotto e bastone, le maniche della camicia arrotolate, infilò la leva sotto uno dei piedi della torre e iniziò a fare forza. La torre si rovesciò, travolgendo giusto un paio di palazzi e qualche albero.
«Fatto. Ora tiriamola su.»
I tecnici diedero ordine ai manovali di tirar su la torre per uno dei piedi, ma niente.
«La torre non ne vuole sapere di raddrizzarsi, signor Eiffel. Non era meglio costruirla al rovescio fin da subito?»
«Sciocchezze, portatemi una carrucola.»
I tecnici portarono un’enorme carrucola e il signor Eiffel, fissatala al gancio di un biplano di passaggio, tirò su la torre finché non rimase esattamente in bilico sulla punta.
«Fatto. Ora vediamo di infilarla nel terreno.»
I tecnici diedero ordine ai manovali di salire tutti sulla base della torre, che ora era la parte più in alto, e di iniziare a martellare in modo che la torre si infilzasse nel suolo, ma niente.
«La torre non ne vuole sapere di infilarsi nel terreno, signor Eiffel. Non potevamo scavare una buca fin da subito?»
«Sciocchezze, chiamiamo tutta la gente di Parigi e facciamola salire sopra la torre: il peso farà il resto.»
I tecnici mandarono i manovali a suonare a tutti i campanelli di Parigi, ma per primo arrivò il sindaco e, vedendo la torre ribaltata sulla punta, quasi gli venne un colpo.
«Eiffel, smettetela di giocare e rimettetela come era prima.»
«E i miei bozzetti?»
«I bozzetti vanno letti al dritto, mettevi gli occhiali.»
Eiffel inforcò i suoi occhiali e girò al dritto i bozzetti: la torre si alzava da terra come una gigantesca A. I tecnici ordinarono ai manovali di rimetter giù la torre.

La morale di questa storia è che i bozzetti bisogna guardarli sempre con gli occhiali. O forse no, ci devo ancora pensare.

Annunci

2 pensieri su “I bozzetti del signor Eiffel

  1. laura

    Mi hai fatto venire in mente quel racconto là di Buzzati. Amo Buzzati. E penso che certe cose storte vengano meglio che dritte. Ma chi è che decide davvero, poi. Saluti e baci

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...