Giradischi

Che poi, rientravo a casa con il mio giradischi finalmente riparato, che Dvorák era talmente felice di rivederlo, talmente felice, che mi ha suonato due volte di fila tutta la Sinfonia del Nuovo Mondo, che tutto il palazzo era sicuramente contento di questa sonata dvorakkiana ad ora di cena, me li vedevo già tutti i miei vicini intonare tutti assieme la sonata dvorakkiana, e il vicino che è in accigliata attesa davanti all’ascensore e la vicina che cammina coi tacchi alle sei di mattina e il vicino che aspetta la mia uscita giornaliera e la coppia che litiga al fine settimana e la vicina che non sono riuscito a salutare e il vicino antipatico del piano di sotto che bussa alle quattro di notte sui muri e il vicino del piano di sopra che a mezzanotte si lamenta di qualche cosa che sa solo lui, ma che presto capirò anche io, cosicché ce ne potremo lamentare insieme in un coro vagamente dvorakkiano.

(Che poi, forse non dovrei dirvelo, ma ora ve lo dico, io quando sento la Sinfonia del Nuovo Mondo, io, a me, quel “del Nuovo Mondo”, fa sempre venire in mente, non so perché, Jurassic Park, e un po’ me ne vergogno, che insomma, stiamo parlando di una sonata dvorakkiana, non di dinosauri, ma tant’è).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...