Storia del cappello

Quella mattina pareva straordinariamente difficile spazzolare e pettinare i capelli. Lo spazzolino da denti ricordava tempi passati. Il sapone per lavarsi le mani sguizzò via fin sotto il letto, sicché Giuseppe dovette chinarsi e snidarlo dall’angolo più remoto. Il colletto era stretto e troppo alto benché il giorno prima fosse stato di misura giusta. Strane cose! E quanto fastidio davano!
Altrove e in un altro momento tutto ciò sarebbe stato forse simpatico, istruttivo, grazioso, divertente, persino entusiasmante. Giuseppe ricordava periodi della sua vita nei quali l’acquisto di una nuova cravatta o di una bombetta all’inglese lo metteva in agitazione. Sei mesi prima gli era capitata una di quelle esperienze col copricapo. Si trattava di un cappello normale di media altezza, come lo portavano gli uomini «di classe». Lui però da quel cappello non si riprometteva niente di buono. Se lo mise in testa cento volte davanti allo specchio e finì col posarlo sulla tavola. Poi si allontanò tre passi da quel mostro grazioso e lo guardò come la sentinella spia il nemico. Non c’era niente da ridire. Poi l’appese a un chiodo e anche là parve del tutto innocuo. Provò di nuovo a metterselo in testa: orribile! Gli parve di sentirsi spaccare in due, ebbe l’impressione che la sua personalità si fosse dimezzata, annebbiata, saturata di sale. Scese nella strada barcollando come un vile ubriaco e si sentì perduto. Entrò in una birreria, si tolse il cappello: era salvo! Questa è la storia del cappello. Nella vita di Giuseppe si erano svolte anche storie di colletti, di cappotti e di scarpe.

[Robert Walser, L’assistente, Einaudi]

Annunci

2 pensieri su “Storia del cappello

    1. Gabriele Autore articolo

      Per me merita di più il “Jakob Von Gunten” di Walser, anche se capisco che la presenza dello spazzolino in questo estratto giochi a favore dell’Assistente…

      Mi piace

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...