Pazzia

A Lend è stato sospeso dal servizio un portalettere che per anni ha omesso di recapitare tutte le lettere in cui subodorava notizie tristi e logicamente tutti gli annunci funebri a lui affidati, e invece se li è portati a casa per buttarli nel fuoco. Alla fine le Poste l’hanno fatto internare nel manicomio di Scherrnberg, dove lui va in giro in divisa da portalettere e non fa che recapitare le lettere che l’amministrazione del manicomio provvede a imbucare in una cassetta delle lettere appositamente collocata su un muro del manicomio e che sono indirizzate agli altri pazienti. A quanto si dice, subito dopo il suo internamento nel manicomio di Scherrnberg il portalettere avrebbe chiesto una divisa da portalettere per evitare di impazzire.

[Thomas Bernhard, Pazzia, in L’imitatore di voci, Adelphi, p.153]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...