Musei

E una cosa che mi ricordo, è che quando ero piccolo i miei genitori, nel fine settimana, portavano me e mia sorella in giro per i musei, che era una cosa che non è che ci piacesse poi tanto, o almeno non sempre, dipendeva molto dal museo — io preferivo quelli con le armature, o quelli con le mummie, o quelli con gli scheletri dei dinosauri —, e quel portarci in giro per i musei, che è successo quando io avevo all’incirca dai 6 agli 11 anni, io per un certo periodo me lo sono dimenticato del tutto. E se me lo sono dimenticato, è anche perché non capivo a cosa servisse andare in giro a vedere quelle cose antiquate, e in quel periodo lì, quando avevo fra i 6 e gli 11 anni, non mi chiedevo neanche perché poi mio padre e mia madre, che non sono mai stati due professoroni fissati con la cultura, ci tenessero a portare me e mia sorella in giro per i musei — cosa li spingesse a cercare di inculcare dentro me e mia sorella l’interesse per quelle cose vecchie. E quando, questo nel periodo che va dai 23 anni ad oggi, e quando poi ho deciso che i musei erano una cosa decisamente interessante — che ora non c’è modo dal trattenermi, ogni volta che si va in giro per qualche città nuova, dall’entrare in uno o due musei, uno o due musei al giorno — ora, in questo periodo che è ancora in corso, ogni tanto ci ripenso a quei musei visti quando ero fra i 6 e gli 11 anni, e me li ricordo ancora tutti per filo e per segno, e se c’è una cosa, nella lista delle cose che un giorno vorrei fare con i miei figli, ammesso che avrò mai dei figli, quella cosa è portarli in tutti i musei dei dintorni — così che un giorno possano anche loro ricordarsi dei musei visti fra i 6 e gli 11 anni, e poi chiedersi perché mai li avessi trascinati con me in giro per quei musei pieni di cose usate.

Annunci

6 pensieri su “Musei

  1. wellentheorie

    Che bella cosa! Col senno di oggi vorrei che i miei mi avessero fatta annoiare un po’ di più. Tipo, mio padre aveva tutte le cassette dei Beatles e non mi ha mai costretta ad ascoltarle. Recupererò coi miei eventuali figli, ne saranno entusiasti

    Mi piace

    Rispondi
    1. Gabriele Autore articolo

      Evviva! Quando si lamenteranno, annoiati, davanti a una teca con un’anfora d’epoca romana incollata con l’attak, gli potrai dire “un giorno vedrete che anche voi sarete felici come zio Gabriele!”

      Mi piace

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...