La spietata censura russa

Dal Calesse di Gogol’, che apparve sul primo numero del «Contemporaneo», furono espunte «alcune espressioni indecenti» come: «l’ultimo bottone dei signori ufficiali era slacciato».

[Serena Vitale, Il bottone di Puskin, Adelphi, p.112]

Annunci

Un pensiero su “La spietata censura russa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...