La coda

Ai tempi delle grandi code davanti ai negozi alimentari molti si erano meravigliati della presenza, sempre in prima posizione, della stessa persona, un tracagnotto cittadino sulla quarantina di cui tutto si poteva pensare tranne che fosse tanto veloce da accaparrarsi quel posto in prima fila in ogni angolo della cittadina. Per lungo tempo il tracagnotto cittadino era stato sulla bocca di tutti, e tutti avevano cercato di scoprire quel suo segreto, e più il segreto rimaneva tale, più si raccontava sul suo conto. Additato come qualcuno a cui puntualmente venivano passate delle soffiate, con gli agganci giusti nel Comitato degli Alimenti o informato dagli Agenti Doganali, o direttamente contattato telefonicamente dal Grande Padrone, il tracagnotto cittadino era stato infine prelevato dal Comitato per la Salvaguardia Cittadina e di lui si erano perse completamente le tracce. A diversi anni dalla sua scomparsa, era stato ritrovato nella sua stanza un tratterello, in venti volumi, in cui il tracagnotto cittadino svelava il segreto di quel suo primato: tutto stava nel scegliere casualmente un negozio, posizionarvisi davanti e attendere che la coda si formasse dietro di lui. Il Comitato degli Alimenti, allertato da quella coda che sempre più avrebbe intasato il quartiere, non avrebbe allora potuto fare altro che permettere al negozio in questione una distribuzione non prevista. Quando il tratterello divenne clandestinamente noto in tutto lo Stato, copiato più e più volte a mano da solerti scribacchini, ogni cittadino iniziò la sua personale coda davanti a questo o a quell’altro negozio, bloccando un po’ tutte le strade con quelle code non organizzate. Il Grande Padrone non poté fare altro, per rendere nuovamente percorribili le strade del suo Stato, che spedire tutta la popolazione nei campi di lavoro: in un attimo aveva così risolto il problema delle code e il problema della distribuzione degli alimenti, meritandosi encomi da tutte le parti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...