Di uno spiccato interesse

Un lepidotterista boemo, a partire dai quarant’anni e con l’avanzare dell’età sempre più spesso, era stato notato partecipare assiduamente a tutti i funerali celebrati nel monumentale cimitero cittadino. Se nei primi tempi la sua presenza era stata giustificata con lontane quanto incerte conoscenze del defunto o della famiglia dello stesso, pian piano si era chiarito che la sua presenza era dovuta semplicemente a uno spiccato interesse verso quelle cerimonie. Il lepidotterista passava difatti tutto il tempo leggermente discosto dalla funzione, intento a osservare certosinamente il lavoro dell’officiante, e dei becchini, e dei parenti: pareva quasi fosse lì a prender nota di tutto ciò che si faceva per quello che un giorno, immancabilmente, sarebbe stato fatto anche per lui. I più iniziarono a incuriosirsi e a indagare sul suo conto, ma senza scoprire poi molto, e si iniziò anche a mettere in giro la voce che la sua presenza fosse solo un modo per vedersi ricambiato un giorno tanto interesse, attirando al suo funerale, il funerale del lepidotterista che sempre era ai funerali dei suoi concittadini, più gente possibile. La cosa era stata smentita diversi anni dopo quando, giunto il suo momento, il lepidotterista aveva lasciato un biglietto in cui a chiare lettere aveva proibito qualsiasi funerale, per non diventare, aveva espressamente scritto, motivo d’attrazione per questi miei concittadini sempre più invadenti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...